PerchÚ Efira
Disclaimer

Per i webmaster
Siti partner o collegati

Efira - Home Page

Scrivici
Segnala questo sito | PubblicitÓ
Iscriviti alla newsletter | Fai di Efira la tua home page

 

 

 

Forum

Ritagli stampa

Management

Aforismi e citazioni
Al cinema
Controcorrente
Favole
I test di Efira
Letture
Locuzioni latine
Lo scaffale del manager
Murfologia quotidiana
Poesie
Primo piano
Racconto
Spigolature
Spotlights
Stupidario
Varie
Altri siti di management

Cerca conGoogle

Nel web In Efira

Umorismo

Fumetti
Galleria del buonumore
Giochi di parole
L'angolo di Baratti
Scopri chi eri
Ti Ŕ compatibile?
Video clip
Vignette

 

 

LE POESIE DI EFIRA

Ultima poesia pubblicata | Per autore A - L | M - Z | Le favole

Destini
Moires
di Pierre-Jean Jouve

Il lavoro Ŕ baratro. Oh, da me stesso salvami
Che non cess˛ di amare e divorare e scrivere;
Un genietto crudele mi streg˛ la vita
Con un fiume di parole che non ebbe
Altro miraggio se non l'eco del piombo;
Senza che mai mutasse il pianto originale,
Senza che mai guarisse dal debole sarcasmo
L'uomo ancor giovane che dubita
Della sua ricerca formale.

Le travail est abime.
Oh cache-moi de moi
Qui n'ai cessÚ d'aimer de dÚvorer d'Úcrire:
Une cruelle goule ensorcela ma vie en des milliers de mots
Qui n'ont eu que l'Úcho de plomb pour espÚrance;
Et sans jamais changer le pleur originel,
Et sans guÚrir jamais le ricanement faible
De jeune homme douteur de ses labeurs formels.
 

Moires, 1962
(traduzione di Nelo Risi)

Pierre-Jean Jouve (1877-1976)

Pierre-Jean Jouve (poeta  e saggista francese, 1887-1976), fond˛ e diresse dal 1907 al 1910 la rivista Bordeau d'or. Autore di opere pacifiste, si convertý al cattolicesimo nel 1927. Successive a questa scelta sono opere come Les mystÚrieurses noces, Sueur de sang, La scŔne capitale, La vierge de Paris e Lyrique.

Invia ad un amico

Ultima poesia pubblicata | Per autore A - L | M - Z | Le favole

In evidenza

.

Stampa la pagina