PerchÚ Efira
Disclaimer

Per i webmaster
Siti partner o collegati

Efira - Home Page

Scrivici
Segnala questo sito | PubblicitÓ
Iscriviti alla newsletter | Fai di Efira la tua home page

 

 

 

Forum

Ritagli stampa

Management

Aforismi e citazioni
Al cinema
Controcorrente
Favole
I test di Efira
Letture
Locuzioni latine
Lo scaffale del manager
Murfologia quotidiana
Poesie
Primo piano
Racconto
Spigolature
Spotlights
Stupidario
Varie
Altri siti di management

Cerca conGoogle

Nel web In Efira

Umorismo

Fumetti
Galleria del buonumore
Giochi di parole
L'angolo di Baratti
Scopri chi eri
Ti Ŕ compatibile?
Video clip
Vignette

 

 

LE POESIE DI EFIRA

Ultima poesia pubblicata | Per autore A - L | M - Z | Le favole

Francesco Giuseppe
Franz Joseph
di Karl Kraus

Com'era? Era stupido? Era accorto?
Che sentimenti provava? Gli avrÓ fatto veramente piacere?
Era un corpo? Era solo un vestito?
C'era un'anima in quei panni sontuosi?
Il Paese lo plasm˛? Plasm˛ lui il Paese?
Chi lo conobbe l'avrÓ anche conosciuto?
Portava una faccia o una barba?
Donde veniva e da quale specie?
Nulla gli fu risparmiato se non il modo stesso di essere?
Era il personaggio o soltanto l'effigie?
Fu tanto crudele quanto fu mite a causa dell'etÓ?
Contava i caduti come la selvaggina abbattuta?
AvrÓ riflettuto o rischiato a cuor leggero?
AvrÓ afflitto anche se stesso, non solo il mondo?
Voleva l'azione o semplicemente l'atto?
Voleva la guerra? Voleva in realtÓ solo
soldati e di costoro la divisa,
di questa solo il bottone? C'era in lui un' ombra
d'amore e di morte e dell'umana sofferenza?
Giammai pi¨ forte impresse al suo tempo
la propria immagine l'impersonalitÓ.
 

Wie war er? War er dumm? War er gescheit?
Wie fŘhlt' er? Hat es wirklich ihn gefreut?
War er ein K÷rper? War er nur ein Kleid?
War eine Seele in dem Staatsgewand?
Formte das Land ihn? Formte er das Land?
Wer, der ihn kannte, hat ihn auch gekannt?
Trug ein Gesicht er oder einen Bart?
Von wannen kam er und von welcher Art?
Blieb nichts ihm, nur das Wesen selbst erspart?
War die Figur er oder nur das Bild?
War er so grausam, wie er altersmild?
Zahlt' er Gefallne wie erlegtes Wild?
Hat er's erwogen oder frisch gewagt?
Hat er auch sich, nicht nur die Welt geplagt?
Wollt' er die Handlung oder blo den Akt?
Wollt' er den Krieg? Wollt' eigentlich er nur
Soldaten und von diesen die Montur,
von der den Knopf nur? Hatt' er eine Spur
von Tod und Liebe und vom Menschenleid?
Nie prńgte machtiger in ihre Zeit
jemals ihr Bild die Unpers÷nlichkeit.

Die Fackel, 351, 1920
Traduzione di Armando Deidda

Karl Kraus (1874-1936)

Karl Kraus (scrittore austriaco, 1874-1936)
Figlio d una famiglia di imprenditori e mercanti ebrei, dopo l'inutile tentativo di affermarsi come attore e vari studi universitari rimasti incompiuti, divenne giornalista e scrittore. Nel 1899 fond˛ la famosa rivista Die Fackel ― da cui Ŕ tratta questa poesia ― organo dell'attacco satirico della corruzione sociale e linguistica. La sua opera comprende numerosi saggi, aforismi, nove volumi di poesie e alcuni drammi tra cui il grandioso componimento pacifista Die letzen Tage der Mensch-heit (Gli ultimi giorni dell'umanitÓ, 1922).

Invia ad un amico

Ultima poesia pubblicata | Per autore A - L | M - Z | Le favole

In evidenza

.

Stampa la pagina